Comune di Laghi

Il Comune di Laghi

Laghi è un comune di 131 abitanti della provincia di Vicenza, in Veneto, situato nella Val di Ferro, tributaria della Bassa Valle del Posina, nelle Prealpi Venete. Per numero di abitanti, è il comune più piccolo della Regione.

Il Comune di Laghi ha una superficie di Kmq. 22.22;  il capoluogo si trova ad una altezza di circa m. 550 s.l.m. mentre sul monte Maggio essa raggiunge m. 1851 s.l.m..; confina con i Comuni di Folgaria e Terragnolo (TN), Arsiero, Posina e Lastebasse (VI).
Il centro dista Km. 9 dal Comune di Arsiero e Km. 50 da Vicenza.

Nel territorio comunale esistono varie contrade: Molini, Vanzi, Lorenzi, Tretti, Menara, Peterlini, Lunardelli, Marogne, Galgara, Roteche, Berta, Cruzzi, Bragioli, Silvestri, Zanconi, Ossati, Chezzi, Laita e Sabbioni.
Elemento caratterizzante del paesaggio sono i due laghetti incastonati come due gemme nella valle del torrente Zara a ridosso del centro abitato.
Laghi, abitata già nel tardo medioevo da popolazioni germaniche, ha visto nel corso dei secoli prendere il sopravvento da parte dell'elemento latino; rimangono nei toponimi tracce consistenti dell'impianto tedesco (vedi ad esempio le località Gamonda, Roteche, Laita, Groba, Trenca, Binchele, Dunfe,...) come pure dei cognomi (Mogentale, Brunello, Peterlin, Rader, Leder,...) e in alcuni vocaboli del dialetto locale (finco, ripa, greppia, persego, trincare...).
Con leggende di banditi provenienti da Isola della Scala (VR) e di "pignate" di marenghi d'or ritrovate nei pressi del capitello della Cenega trascorrono i secoli, passano le dominazioni dei Conti Velo, degli Scaligeri, dei Visconti, dei Veneziani, finiscono le guerre napoleoniche e arriva il primo conflitto mondiale.
L'Esercito italiano si ritira da Laghi a seguito della "Mai Expedition" austriaca del 1916 con la quale viene conquistata anche la cima del Monte Majo (gli italiani sono costretti a costruire la strada delle gallerie del Pasubio). La popolazione viene sfollata verso i paesi della pianura vicentina perdendo le misere risorse guadagnate con anni di fatica nella dura vita di montagna (i contrabbandieri, sospettati di parteggiare per gli austriaci, vengono deportati a Palermo).

Nel primo dopoguerra il Comune vede emigrare gran parte della popolazione all'estero (in particolare nei paesi dell'emisfero australe: Sud Africa, Argentina, Australia...) mentre nel secondo dopoguerra il flusso si sposta verso i poli industriali della pianura vicentina, portando la popolazione dalle mille unità dell'inizio del novecento a 152 abitanti (31.12.1996).


Chiesa Parrocchiale dedicta a San Barnaba (sec. XVIII); 
Chiesa di San Valentino sull'altopiano di Cavallaro in contrà Ossati (1700); 
Croce di Monte Maggio (m. 1852 s.l.m.) sul sentiero europeo "E5" Lago di Costanza-Mare Adriatico; 
Ex Cimitero Militare Austriaco in Contrà Molini.